giovanni foto 200 2019 trasp

Buon voto con fiducia nella democrazia

Ormai ci siamo, dobbiamo solo vedere cosa deciderà il Presidente della Repubblica alla luce di quello che gli diranno e faranno le forze politiche che ritengono di aver vinto le elezioni, ciascuno a modo proprio.
Oggi è sabato 24 settembre, possiamo solo augurarci Buon voto e buona partecipazione, nonostante la brutta campagna elettorale, influenzata dalla “folle” decisione di mettere in crisi un governo che, nella situazione data, stava, come ancora sta, proteggendo l’Italia dalle gravi minacce esterne.
Situazione non facile, anche per gravi ingerenze che, da tempo, condizionano la vita politica italiana e nulla hanno a che vedere con gli interessi e la sicurezza dei cittadini italiani.
Il peggio che può capitarci è di essere governati da chi ci ha già “governati” nel modo che sappiamo, ma il contesto e le premesse sono molto più pericolose e tali da giustificare la “misurata” preoccupazione sul prossimo futuro, presente non solo in Italia.
Il giorno di chiusura della campagna elettorale, venerdì 23 settembre, è coinciso con il ritorno in piazza dei giovani del movimento Friday for Future che si battono per la giustizia climatica e sociale, quasi a rimarcare lo scarso e generico interesse della politica su questo tema decisivo.
Un tema/problema per affrontare il quale servono competenze, visione e slancio ideale, accompagnate dalla consapevolezza che siamo di fronte a una urgenza che richiede sguardo lungo e progettualità conseguente, unitamente al fare immediato.
Tutto, tranne che il genericismo e il modo di contendersi il potere di vecchio stampo, che produce l’esatto opposto, ovvero il navigare a vista, con visuale ridotta, senza sapere dove andare.

Leggi tutto...

Dalle Aziende

Dai Contratti