IL permesso unico

 

permesso Con la pubblicazione sulla gazzette ufficiale n.68 del decreto legislativo del 22 marzo 2014 n.40, è diventata realtà  il Permesso unico. Il 24 febbraio scorso il governo italiano ha recepito la Direttiva 2011/98/Ue, che permette di ottenere il permesso di lavoro e di residenza attraverso un unica procedura. In effetti l’Italia è piuttosto  in linea con la direttiva europea , basta pensare a chi entra in Italia con decreto flussi per lavoro non stagionale. A fine procedura, gli viene rilasciato un documento a testimonianza che può soggiornare e lavorare sul territorio nazionale.

“ Giornata di mobilitazione Nazionale del’11/10/2013 – Fermiamo le strage del Mediterraneo” Presidio presso la Prefettura di Milano.

felicite-presidio-miniCon il susseguirsi di accadimenti di strage nel Mediterraneo, il sindacato non può più aspettare e ha deciso di mobilitarsi per chiedere al governo di adeguare la propria politica e legislazione in materia di immigrazione ed asilo . Devono essere riviste le norme non solo per chi fugge da situazione pericolose, ma anche per chi soggiorna sul territorio nazionale.

E' stato già effettuato un sit-in sotto la prefettura di Milano per sensibilizzare le istituzione e l’opinione pubblica verso questa complessa materia.

Una delegazione “Cgil Cisl e Uil” è stata ricevuta dal vice prefetto di Milano, dove i sindacati hanno portato un contributo d’idee. Hanno esposto e esortato il prefetto a fare pervenire le loro proposte al governo affinché tragedie come quella di Lampedusa non avvengano più.

Anche i familiari ultra 65enni immigrati possono accedere al SSN

immigrati schizzo ridottoGrazie al Tribunale di Milano, anche in Lombardia i familiari ultra 65enni degli immigrati potranno accedere alla sanità pubblica .
Una sentenza clamorosa che rimarrà nella storia. Infatti, sono stati condannati i Ministeri della Salute, del Lavoro e delle Finanza per aver assunto un comportamento discriminatorio,per avere negato a questi familiari l'accesso alla sanità pubblica e per mancata attuazione del D.lgs. n.160/2008 norma sul ricongiungimento familiare prevista dal testo Unico dell'immigrazione.

Italia,primo paese dell'Ue a ratificare la convenzione ILO su lavoro domestico

Il 18 dicembre 2012 dopo diversi mesi di pressioni (Campagna 12x12),il governo italiano ha firmato la convenzione 189 ILO riguardo alle condizioni del lavoro domestico.

Oggi compiamo uno storico passo in avanti nella tutela dei diritti dei lavoratori, riconoscendo sul piano giuridico il lavoro domestico quale forma effettiva di attività professionale”.
Così ha dichiarato il Ministro degli Esteri,Giulio Terzi, a margine del convegno un “lavoro dignitoso” promosso dalle organizzazioni sindacali UIL CGIL CISL presso la sede OIL di Roma.