Sciopero nel settore della ristorazione collettiva il 3 giugno 2013

Scarica il volantino dello sciopero

Saddettemensai terrà in Piazza San Babila alle ore 9.30, il concentramento dell’importante manifestazione nazionale di sciopero nel settore della ristorazione collettiva indetta da UILTuCS congiuntamete a Filcams e Fisascat, per protestare contro la pretesa dell'associazione datoriale Angem, alla quale aderiscono le più importanti società della ristorazione (Elior, Chef service, Dussman, Gemeaz etc.), di cancellare per i dipendenti delle mense l'applicazione del Contratto Nazionale del Turismo e per impedire l'introduzione di un protocollo per i cambi di gestione svantaggioso.

Ricordiamo infatti che successivamente alla presentazione delle piattaforme contrattuali di Filcams, Fisascat e UILTuCS, alla già difficile trattativa con i rappresentanti delle controparti (Federalberghi, Fiavet e Faita) si è aggiunta la pretestuosa richiesta dell’agosto 2012 di Fipe, Angem e dei suoi associati di applicare un protocollo sui cambi di gestione alquanto sfavorevole per i lavoratori del settore e, successivamente, per la fuoriuscita della stessa Angem dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi del novembre 2012, anche la disapplicazione del CCNL Turismo con applicazione di un nuovo contratto “CCNL settore della ristorazione collettiva organizzata e multiservizi” a far data dal maggio 2013.

Le Federazioni Imprenditoriali del Turismo non onorano gli impegni contrattuali

cameriera-schizzo-webSi può solo definire vergognosa la decisione, da parte di Fipe, Fiavet, Federalberghi e Faita di sospendere la corresponsione dell'ultima tranche di aumenti concordata con la firma del Contratto Nazionale del 2011.

Viene meno, con questo comportamento, la condizione di affidabilità di fondo che sta alla base del rapporto negoziale: quella cioè che prevede che gli accordi, una volta sottoscritti, devono essere sempre rispettati.

Trattativa CCNL Turismo: Fipe lascia il tavolo

trattativa turismo bisEsordisce in questo modo la trattativa del CCNL Turismo che ha affrontato un’altra tappa il 26 marzo.
La scelta di Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, è stata ufficialmente dovuta a valutazioni interne che l’associazione di controparte necessitava di effettuare prima di un ulteriore passaggio di trattativa ma sappiamo bene che, per le posizioni assunte nel recente passato sulla disdetta del protocollo sul cambio di gestione nelle mense, è forse la parte sociale che con più fatica è disponibile a discutere innovazioni e modifiche del contratto collettivo nazionale di lavoro.

Contratto del turismo: salario e appalti mense gli elementi di scontro

trattativa turismo bisIl 13 febbraio si è riunito a Roma il coordinamento delle strutture territoriali per discutere dell’andamento del contratto collettivo nazionale del turismo propedeutico all’incontro con le controparti del pomeriggio.
La trattativa ha subito alcune battute di arresto dovute alla grave situazione economica ma soprattutto alla posizione di Angem che, come molti ricorderanno, lo scorso hanno inviato una lettera di disdetta del contratto collettivo con una proposta di applicazione di un protocollo sul cambio di appalto fortemente discriminatorio per i lavoratori.