Le Federazioni Imprenditoriali del Turismo non onorano gli impegni contrattuali

cameriera-schizzo-webSi può solo definire vergognosa la decisione, da parte di Fipe, Fiavet, Federalberghi e Faita di sospendere la corresponsione dell'ultima tranche di aumenti concordata con la firma del Contratto Nazionale del 2011.

Viene meno, con questo comportamento, la condizione di affidabilità di fondo che sta alla base del rapporto negoziale: quella cioè che prevede che gli accordi, una volta sottoscritti, devono essere sempre rispettati.

Non ci si deve mai stupire della durezza e della resistenza di una controparte nel trovare i margini per giungere ad un accordo dignitoso. Il recente passato ci insegna purtroppo che è sempre più difficile ottenere risultati che possano rispondere adeguatamente ai bisogni del personale delle aziende dei settori del terziario turistico, commerciale e di servizio.

Ma quando si viene meno ad impegni contrattuali già definiti e sottoscritti, allora cambia proprio lo scenario.

Si mette in discussione il valore stesso dell'intesa contrattuale che, per le rinuncie ed i compromessi che sempre implica, non può non essere rispettato.

Altrimenti è in discussione l'onorabilità stessa dei soggetti contraenti ed è su questo che poggia l'intera credibilità del sistema contrattuale.

 

Leggi il comunicato delle segreterie nazionali Filcams-Fisascat-Uiltucs


Stampa   Email