Federdistribuzione disdetta il Contratto Nazionale del Terziario

sicurezzasupermercatiCon una lettera inviata a tutte le organizzazioni sindacali di categoria, Filcams Fisascat e UILTuCS, Federdistribuzione disdetta il contratto del commercio e allarga la disdetta ad eventuali intese territoriali.

Il preoccupante segnale viene lanciato a un anno circa dalla scadenza del contratto (31/12/2013) e segnerà certamente le relazioni sindacali sin qui avute. Confcommercio, infatti, porta avanti le istanze non solo delle grande distribuzione ma anche dei piccoli commercianti: un equilibrio che certamente verrà messo in discussione da Federdistribuzione che ha certamente scelto la disdetta come messaggio inequivocabile verso l'associazione dei commercianti.

Convalida delle dimissioni in sede sindacale

E' stato firmato il 21 settembre 2012 l'accordo tra FILCAMS, FISASCAT, UILTuCS e Confcommercio che prevede la validità delle sedi sindacali e delle commissioni di conciliazione costituite congiuntamente dalle parti, come sedi di convalida delle dimissioni come previsto dalla recente normativa di contrasto alle dimissioni in bianco.

leggi il testo dell'accordo

Osservatorio Regionale del Commercio, sintesi dell'incontro

Il giorno 4 ottobre 2012 si è svolta, presso la Regione Lombardia, la Conferenza dei Rappresentanti per l’Osservatorio Regionale del Commercio alla presenza dell’Assessore Margherita Peroni.

Gli argomenti all’ordine del giorno erano relativi all’andamento dei consumi del settore commercio ed alla valutazione inerente la sperimentazione della "sospensione del divieto di effettuare vendite promozionali nei periodi antecedenti i saldi", legge regionale 7 giugno 2012 n. 9.

In merito al primo argomento è stata sottolineata, dai rappresentanti delle diverse Associazioni presenti (tra le altre Confcommercio, Federdistribuzione, Federmoda, Adiconsum, Anci) la situazione complicata nella quale il settore si trova.

CCNL Terziario: Ordine del Giorno della Segreteria UILTuCS Lombardia

La Uiltucs di Milano e della Lombardia pur apprezzando lo sforzo prodotto dalla Segreteria Nazionale sul rinnovo del CCNL Terziario, Distribuzione e Servizi, in un contesto generale estremamente negativo e, soprattutto, per aver respinto parte delle richieste contenute nella contro piattaforma presentata da Confcommercio al tavolo della trattativa, non può non rilevare alcune criticità.