Accordo tra CGIL CISL UIL e Confcommercio su nuovo modello contrattuale

accordo modello contrattuale 2016Firmato il 24 novembre 2016 l'accordo che riafferma il ruolo e il valore del contratto nazionale, come primaria fonte normativa e salariale, nonché, centro regolatore dei rapporti di lavoro. Contestualmente, viene confermata la volontà delle Parti di estendere quantitativamente e qualitativamente la contrattazione di secondo livello.

Scarica l’accordo

Accordo sulla detassazione aziende terziario

detassazione schizz200Lo scorso venerdì la UILTuCS di Milano e Lombardia ha sottoscritto un accordo con l’Unione del Commercio di Milano sulla detassazione dei premi di produttività della partecipazione agli utili e per i servizi di welfare.
Si tratta di un accordo applicabile a tutti i lavoratori delle aziende associate a Confcommercio Milano, Monza e Brianza e Lodi che adottano integralmente il contratto collettivo nazionale di lavoro.
Nell’accordo le organizzazioni sindacali e la nostra in particolare hanno insistito e ottenuto di poter inserire un effettivo coinvolgimento della RSA/RSU attraverso:
- la costituzione di gruppi di lavoro
- strumenti di monitoraggio degli obiettivi
- la predisposizione di rapporti periodici
Dove invece non esistono RSA/RSU verranno raccolti i dati e consegnati quadrimestralmente per il monitoraggio degli accordi raggiunti.

Scarica l’accordo

7 novembre e 19 dicembre: Sciopero generale della grande distribuzione

strike1Mobilitazione nazionale per il rinnovo del contratto del settore dopo oltre venti mesi di vertenza 
Gli esecutivi nazionali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e UILTuCS, riuniti oggi a Roma, hanno proclamato due giornate di sciopero nazionale nel settore della grande distribuzione per il 7 novembre e per il 19 dicembre prossimi, demandando alle strutture regionali l’organizzazione di ulteriori iniziative di mobilitazione.
Il ricorso allo sciopero si è reso necessario per dare un segnale forte e compatto a Federdistribuzione, dopo oltre venti mesi di vertenza per il rinnovo del contratto collettivo del settore.
La UILTuCS, a sua volta, dopo la pronuncia favorevole del Tribunale di Torino, moltiplicherà i ricorsi ai Tribunali italiani per ottenere il riconoscimento degli aumenti salariali stabiliti dal contratto collettivo rinnovato con Confcommercio anche per i lavoratori delle imprese aderenti a Federdistribuzione.

Firmata l'Ipotesi di rinnovo del CCNL del Commercio

firma-schizzo200

Nella tarda serata di lunedì 30 marzo è stata sottoscritta unitariamente l'ipotesi di accordo per il rinnovo del Contratto Nazionale del Terziario Confcommercio.

Dopo mesi di difficile trattativa è stata data una risposta contrattuale a circa tre milioni di lavoratori del settore, risultato ottenuto con un'unità d'intenti da parte delle OO.SS. che merita apprezzamento.

Il difficile contesto generale nel quale siamo immersi necessita di uno sforzo comune che permetta di porre rimedio alla crisi pesantissima che ha coinvolto il commercio, al calo massiccio dei consumi e alla conseguente drastica diminuzione dell'occupazione e del potere d'acquisto delle retribuzioni.

Del resto l'importanza di questo rinnovo contrattuale è sotto gli occhi di tutti se solo si considera la centralità del settore dei servizi, con un numero di occupati che rappresenta ormai circa il 70% del totale.