Coop Lombardia. Nuova ipotesi d'accordo sul lavoro domenicale e violenze di genere

cooplombardia bis

Rinnovato l'8 marzo l’accordo sul lavoro domenicale per i dipendenti di Coop Lombardia che avrà scadenza nel 2018. Da un minimo di 9 a un massimo di 18 domeniche annue da lavorare per i dipendenti full time con riposo coincidente con la giornata domenicale, con un massimo di 2 domeniche al mese elevabili a 3 in caso di recuperi con l’astensione da questa regolamentazione per le dipendenti madri o padri affidatari esclusivi di bambini di età inferiore ai 24 mesi, dipendenti che assistono familiari conviventi portatori di handicap e dipendenti affetti da patologie gravi.

Centrale rimane il ruolo del sindacato e delle rappresentanze sindacali che potranno verificare il reale fabbisogno aziendale per la corretta individuazione del numero di domeniche complessive di fabbisogno aziendale: le ulteriori 9 domeniche oltre alle 9 minime previste saranno discusse con le rappresentanze sindacali. Il confronto potrà consentire inoltre di prevedere riposi week end, collocando le giornate di riposo di sabato e domenica

Confermata per  i dipendenti con domenica ordinaria prevista nel contratto di assunzione la possibilità di riposare una domenica ogni 5 elevabile a 4 nel caso in cui la percentuale di lavoratori con la domenica come giornata ordinaria siano superiori al 70% dei dipendenti. Confermata anche l’esenzione alla prestazione di lavoro domenicale per le lavoratrici con figli di ètà inferiore ai 24 mesi. Il confronto con i rappresentanti sindacali potrà determinare equilibri diversi in modo da “liberare” ulteriori domeniche ai dipendenti con la domenica di lavoro in ordinario.

I lavoratori part time con riposo di norma coincidente con la giornata di domenica potranno aderire volontariamente alla programmazione del  lavoro domenicale. In base al fabbisogno aziendale sono possibili consolidamenti di orario di lavoro per questa tipologia di lavoratori.

Tutto nuovo il capitolo delle violenze di genere dove la cooperativa si impegna ad aggiungere un mese di congedo ai tre mesi previsti dalla normativa vigente.

Ora l'ipotesi di accordo dovrà essere sottoposto al vaglio delle assemblee dei lavoratori della Cooperativa che speriamo affluiscano numerosi per discutere il testo che regolamenterà una importante parte della vita lavorativa delle persone..

scarica l'accordo


Stampa   Email